Veneto maglia nera per il trasporto ferroviario di pendolari

Il taglio dei finanziamenti pubblici e la mancanza di investimenti nel settore collocano il Veneto all’ultimo posto in Italia per quanto riguarda il trasporto ferroviario di pendolari.

Il Veneto veste la maglia nera in Italia per quanto riguarda il trasporto ferroviario di pendolari con punte di un treno cancellato ogni cinque. Il 2011 per la Regione verrà ricordato come l’anno dei tagli ai treni pendolari e dell’aumento dei biglietti, ma nel 2012 la situazione potrebbe essere addirittura peggiore vista la mancanza di risorse (30 milioni) necessarie per mantenere la situazione attuale.

In Veneto alla politica dei tagli ai treni fa da contraltare una tendenza a privilegiare il trasporto privato: dal 2000 ad oggi, sono stati stanziati 4 miliardi e 400milioni di Euro per nuovi progetti stradali (la Pedemontana in primis) o per concedere sconti sui pedaggi, sgravi fiscali e detrazioni varie.

La situazione è negativa anche per quanto riguarda gli investimenti sui nuovi treni dove la Regione non ha effettuato nessun investimento in questo senso, confermando la sua scarsa attenzione verso i pendolari che ogni giorno prendono il treno per raggiungere il proprio posto di lavoro o di studio.

I dati contenuti nel Rapporto Pendolaria 2011 di Legambiente fotografano dunque una situazione molto deficitaria per il trasporto ferroviario dei pendolari in Veneto perché da una parte non esiste una politica volta al miglioramento del servizio e dall’altra perché non investendo su mezzi nuovi, i pendolari sono costretti a viaggiare in condizioni sempre più precarie.

fonte: lanserivizi.com 

Annunci

2 risposte a “Veneto maglia nera per il trasporto ferroviario di pendolari

  1. Non ci è dato conoscere le cause di questo disavanzo ma dispiace che tutto questo sia gestito in maniera così poco trasparente dalla Regione Veneto e dall’ente Ferrovie senza che si riesca a sapere come intenderanno far fronte a questa vera e propria emergenza. L’Assessore Chisso sarebbe il caso che onorasse il suo impegno verso la comunità dimostrando con atti concreti ed efficaci di essere all’altezza del mandato conferitogli.
    Mi piacerebbe tanto sapere cosa farebbe se il suo stipendio di politico gli fosse pagato in ritardo o soppresso a singhiozzo come i nostri treni ………. sic !

  2. Comunque l’articolo ha messo ben bene il dito nella piaga: si negano alcuni pulciosi milioni di euro alla gestione di un servizio essenziale, e nel mentre si sprecano miliardi di euro in serpentoni di catrame che non servono a niente. E’ un problema di mala allocazione delle risorse.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...